logo Re di Quaglie
 
La residenza
Le camere - suites
Ristorante/bar
Sala Congressi

Attività
Sport e Divertimento
Caccia
Stagioni di Caccia
Servizi ai cacciatori
Consigli
Pesca

Il territorio
Il paese
La natura
Il Danubio
Le terme
Itinerari

Centro Ippico
Dati storici
La razza
La scuderia
Genealogia


Video

Fotogallery

Contatti

News


italiano  english  deutsch  se
Agenzia Agrituristico-Venatoria
"Re di Quaglie"

Caccia

L'Agenzia Venatoria Re di Quaglie organizza diversi soggiorni di caccia in Vojvodina (Serbia) e Romania:

A caccia di quaglie - VOJVODINA (Serbia)

Da parecchi anni, ormai, abbiamo scelto questa vasta pianura per la caccia estiva, perché consideriamo che in questo territorio vi sia il maggior passo per la selvaggina migratoria che possa esserci in Europa.
La quaglia in particolare passa da queste zone quasi piatte e leggermente ondulate dove trova un habitat magnifico per questo tipo di uccelli.
Si caccia in stoppie di grano dove sono cresciuti erbai. E nelle mediche da poco tagliate. La nostra agenzia non tralascierà niente al caso, per permettervi una vacanza venatoria di 4-5 giorni, o più, davvero speciale.
"Una leggenda sostiene che quando fra l'uomo e gli animali si aprì un fossato: il cane fu l'unico a saltarlo, per restare con l'uomo. E' proprio nella caccia che si trova la conferma di questa leggenda. Le quaglie, infatti, sono un tipo di selvaggina la cui caccia richiede un lavoro di collaborazione tra cane e cacciatore. La caccia alle quaglie in Vojvodina mette a dura prova sia i cani da ferma sia i cacciatori ed è appassionante osservare l'armonia che si crea in questa natura incontaminata.
In Italia questi cani sono per lo più abituati a quaglie d'allevamento.
Le quaglie selvatiche invece sono uccelli sospettosi e reagiscono con voli veloci e imprevedibili. Trovarsi di fronte al selvatico vero della Vojvodina è un'esperienza eccezionale. E' emozionante vedere il proprio cane come guidato nella sua ricerca da una mano invisibile, voltarsi di scatto e restare pietrificato, sentendo la quaglia, finché il cacciatore non arriva a snidarla per abbatterla."


TORTORE - VOJVODINA (SERBIA)
In Vojvodina il passo delle TORTORE AFRICANE non e’ molto lungo e si può cacciare per brevi periodi: da fine agosto ai primi di settembre.
Come per gli altri tipi di caccia, i nostri esperti con molta passione e tenacia seguono le vie di migrazione. Possiamo cosi organizzare nel migliore dei modi queste allegre e sportive battute. Si caccia, generalmente su avvistamento con carnet variabili perchè, come ogni buon cacciatore ben sa, il passo della tortora africana è molto legata alle condizioni climatiche. Al fine di un sicuro divertimento, la nostra Agenzia consiglia sempre l'abbinamento con la caccia alla quaglia.


BECCACCINI - ROMANIA
E' una specie di passo, migratore in Romania e più piccolo della beccaccia. Preferisce i terreni paludosi e pantanosi, dove noi organizziamo la caccia di questa specie di uccello. Il migliore metodo di caccia è quello a piedi con cane da ferma.

Caccia agli acquatici (anatre e oche) - VOJVODINA (SERBIA)

1. Anatre in valle - Caccia in botte
A pochi chilometri dalla Residenza Re di Quaglie sono situati i laghi in cui si pratica la caccia alle anatre, da settembre fino a gennaio.
In mezzo a laghi formati da terreni sommersi da un metro d'acqua, nascoste da labirinti di canneto, ci sono le botti. Le botti con la loro disposizione e mimetizzazione sono state create da veri competenti fatti venire appositamente dalle valli del delta del Po dove da centinaia d'anni si pratica questa caccia.
Davanti alle botti vengono ben posizionati diversi stampi per attirare le anatre. Le botti sono così inserite in un habitat adatto affinché gli acquatici d'ogni specie, possano fermarsi durante la loro emigrazione. E sono molti anche che nidificano in primavera in questi affascinanti specchi d'acqua.
D'inverno, invece, se il lago è ghiacciato ed è impossibile raggiungere in barca le botti, si spara dalla riva.

2. Caccia agli acquatici sul Danubio
Anche la caccia agli acquatici sul Danubio è un’esperienza indimenticabile; una caccia, che si può fare in Dicembre e Gennaio, quando la Vojvodina è stretta in una immensa morsa di ghiaccio. Nella regione, l’unica cosa ancora viva e piena di vita è il maestoso fiume che non gela mai. Sulle sue acque si concentrano allora migliaia di anatre per trascorrere il giorno, in attesa di trasferirsi, appena scendono le tenebre, nei campi dove le trebbiatrici hanno lasciato sul terreno una grande quantità di cibo.
L’Agenzia “Re di Quaglie” (veneta, com’è veneto il suo instancabile titolare) ha importato sulle rive del Danubio la passione e le tecniche venatorie tipiche delle valli mediterranee; anzi, tipiche delle valli venete, del Garda e del fiume Po. Sulla terra ferma, proprio di fronte ai piccoli specchi d’acqua delle anse (sguazzi) dove si muovono i richiami vivi e galleggiano gli stampi, sono stati costruiti quattro capanni (capanni da sguazzo) rivestiti con le canne delle rive, in grado di ospitare due o tre cacciatori.
E non mancano, ovviamente le classiche botti (in cui può trovare posto un solo cacciatore) adatte ad un tipo di caccia più tradizionale e più intimo, che si sposa perfettamente con l’atmosfera incantata di un inverno “vero” fatto di silenzi ghiacciati e di voli di Codoni, Moriglioni, Canapiglie, Morette, Fischioni, Germani e Oche da mozzare il fiato.
Quello che accade alle prime luci dell’alba (ma anche nel corso del giorno e all’imbrunire) è facilmente immaginabile, e non aspetta altro che essere vissuto in tutta la sua magica intensità.

3. Caccia agli acquatici sul Danubio con barconi
Per queste cacce assolutamente straordinarie, Re di Quaglie mette a disposizione una confortevole barca con una accogliente cabina riscaldata dove i cacciatori possono sostare e uscire solo in prossimità degli enormi stormi che, raffreddati dalle gelide acque, si fanno tranquillamente avvicinare. I cacciatori sparano e sono molti i tuffi nell'acqua delle anatre colpite. Poi, appoggiati i loro fucili, si possono riposare all'interno della comoda cabina, mentre gli accompagnatori col guadino pescano le prede abbattute.
Alla fine della giornata il carniere sarà veramente ricco e sono molti i cacciatori che rimangono positivamente colpiti da quest'abbondanza. Il cacciatore torna a casa, soddisfatto e consapevole che le anatre del suo carniere sono, in realtà, solo una minima parte di quelle migliaia che giocano ancora sulla sua testa.

4. Oche in buca
Quando i campi sono totalmente brulli, quando l'inverno ormai è sopraggiunto, è il momento della caccia alle oche.
Gli stampi vengono messi a gruppi davanti ad apposite buche ben mimetizzate ricoperte da stoppie costruite da Re di Quaglie. L'abbondanza della neve, la nebbia e il gelo che sopravvengono normalmente verso dicembre e gennaio creano un habitat ideale per la sosta di questi grandi acquatici.
Ogni giorno in formazioni ben compatte si spostano tra il Danubio dove pernottano e i campi dove cercano il cibo. Il cacciatore ben appostato nelle buche può abbatterle, e se le condizioni atmosferiche sono favorevoli, si possono ottenere abbondanti carnieri.

A CACCIA DI ALLODOLE IN ROMANIA

allodola

La Romania è una delle mete più  invidiabili  per chi desidera arricchirsi di diverse  esperienze in campo venatorio ed è uno dei pochi paesi Paesi dell’Est Europa dove e’ consentita la caccia alle allodole, nonché l’ esportazione dei capi abbattuti.
La zona di caccia che noi proponiamo  e’ situata nei dintorni di Timisoara dove esistono posizioni favolose e strategiche per questo tipo di  migrazione.  I luoghi di caccia saranno  predisposti  e attrezzati adeguatamente  da specializzati collaboratori, esperti del territorio e  che garantiscono il massimo divertimento.

Caccia stanziale-autoctona (starne, fagiani e lepri) - VOJVODINA (SERBIA)

E' autunno, le ultime quaglie sono già migrate verso i paesi caldi. La natura della Vojvodina si piega all'inverno dipingendosi di mille colori. Le trebbiatrici lavorano ininterrottamente negli sterminati campi di mais della Vojvodina e si lasciano dietro stocchi trinciati di granoturco con molti chicchi di granoturco, cibo ambito da starne, fagiani e altre specie stanziali.
La caccia alla selvaggina stanziale autoctona organizzata dall'agenzia Venatoria Re di Quaglie è veramente abbondante nei territori di caccia di Re di Quaglie.
Il vero cacciatore potrà ritrovare il piacere della caccia alle vere starne. Questa epica selvaggina, una volta abbondante, ora scomparsa in Italia e diminuita nel resto dell' Europa, vola in allegre brigate sui terreni della Vojvodina. Ad ottobre-novembre smaliziate dalle prime fucilate diventano la preda più ambita dal cacciatore. La brevità del giorno le costringe ad aumentare l'attività per la ricerca del cibo. Il luogo ne condiziona il comportamento, il tempo, l'affluenza. Questo selvatico si alza con un frullo d'ali metallico. Il cane dev'essere esperto per poterle fermare a distanza anche perché la vegetazione è molto limitata, ma la starna riesce sempre a nascondersi fra piccoli cespugli, fra stocchi di granoturco, lungo i canali fra le erbe palustri.
I fagiani sono ancora degli uccelli bellissimi anche se la gran diffusione e l'allevamento intensivo in tutte le regioni d'Europa non li fanno più considerare una selvaggina preziosa.
Tuttavia Re di Quaglie si preoccupa di far cacciare solo quelli nati in libertà nelle sterminate campagne della Vojvodina per rendere questa caccia più appassionante e naturale.
Il fagiano che troviamo in Vojvodina è smaliziato, furbo, a volte gran pedinatore. Tende sempre a nascondersi nel folto dove può mettere a dura prova anche la dote più seria di un cane da ferma.
Le lepri in Vojvodina sono abbondanti, se ne vedono tante correre tra i campi brulli. A volte riescono ad eludere il fiuto del cane e anche il fucile del cacciatore... Ma senza il cacciatore il cane non può nulla: raggiungere una lepre in corsa è impossibile poiché è dotata di una velocità notevole e, a volte, si può solo osservare l'eleganza con cui scatta e se ne va.


BECCACCE - ROMANIA
beccacciaLa nostra Agenzia, dopo anni di esperienza e ricerca, ha scelto i migliori territori, che si trovano in Romania, per la caccia alle Beccacce.
I terreni di caccia vanno dai Carpazi, al Baragan, al Mar Nero. Si hanno, così, grandi zone popolate di Beccacce con tutte le condizioni atmosferiche. Gia’ dalla meta’ di Ottobre nelle zone sul Mar Nero inizia l’arrivo delle beccacce.
Per gli appassionati di questo tipo di caccia, possiamo garantire bellissime giornate con diversi incontri giornalieri, secondo la migrazione. I gruppi devono essere almeno di 2-4 cacciatori. Comunque per questa caccia si prendono anche singoli cacciatori. Per questo tipo di caccia il pranzo, generalmente, è al sacco direttamente nel bosco.

TORDI E CESENE - ROMANIA
tordoIn specifiche zone della Romania da Novembre a Febbraio molte Cesene si concentrano nei vigneti e nei frutteti, nelle vicinanze delle grandi foreste di alto fusto. Con i primi freddi, questi uccelli si concentrano in numero considerevole nelle valli piene di frutti selvatici. I nostri esperti seguono queste concentrazioni, per organizzarvi una caccia estremamente sportiva e divertente. Si caccia nelle vicinanze di BUCAREST o TIMISOARA, a circa 30/40 km dall’albergo dove si alloggia.

Caccia agli ungulati (cervi, cinghiali, caprioli) - VOJVODINA (SERBIA)

capriolo I magici boschi della Vojvodina in riva al grande fiume sono l'habitat del cervo danubiano molto apprezzato dai cacciatori di tutto il mondo.
Bellissimi esemplari con ricercatissimi e stupendi trofei, in grande quantità, vagano fra queste stupende foreste in un magico scenario. Inoltre, nei territori riservati a "Re di Quaglie" è possibile vedere molti caprioli, mufloni, daini e cinghiali. La caccia a questi ultimi può essere a piedi, con auto fuoristrada, con carrozza e cavalli, in battuta o con il particolare sistema detto "su palchetti".
























caccia cani da caccia cani da caccia cani da caccia caccia cacciatori


tortore






beccaccino


anatre anatre anatre cacciatori caccia caccia caccia caccia


































oche oche









allodola allodola






starne fagiano lepre cani da caccia
























beccaccia
















cervi daino cinghiale

Per info (info) Tel/Fax+ 39 045 7550074 Tel (RS) +381 25 862350 (RS) Cell +381 64 2481896
E-mail: info@rediquaglie.com - rdq@sowireless.org